mercoledì 25 maggio 2011

domenica 1 maggio 2011

A passeggio in centro a Milano













Nella Galleria Vittorio Emanuele è esposto un aeroplano Piaggio interamente decorato da Mimmo Paladino dal titolo “Cacciatori di stelle”





 


La scultura di Philip Haas


Avvicinandosi a Palazzo Reale da piazza del Duomo i visitatori sono accolti in piazzetta Reale da una colossale scultura, alta più di quattro metri, dell'artista americano Philip Haas.

Ispirandosi al dipinto Inverno, e rendendo omaggio agli esuberanti apparati per le feste di corte rinascimentali a Vienna e a Praga, Haas ci offre così una riflessione sullo stile di Arcimboldo, ma soprattutto un'opera d'arte a pieno titolo.

La scala monumentale della scultura accentua il puzzle visivo degli elementi naturali - corteccia, rami e ramoscelli, muschio, funghi, tralci di vite, edera - che vengono utilizzati per comporre un ritratto umano.

L'opera che ne risulta è così, allo stesso tempo, grottesca, "rustica" e ricca di elementi: un'affermazione, insomma, della forza vitale.







In Piazzetta Reale, a ridosso del Duomo, è collocata un’imponente montagna di sale di 10 metri (35 metri di diametro), lavoro tra i più belli ed emblematici del maestro campano Mimmo Paladino.

La Montagna di sale, dalla quale fuoriescono 30 elementi scultorei (riprendendo integralmente o per sezione la statua di un cavallo di quasi 4 metri di altezza) rappresenta uno dei capolavori del secolo appena concluso ed è carica di aspetti simbolici ancora fortemente validi, che cercano le proprie ragioni all'interno della storia sociale e culturale del nostro paese. Non a caso è stata indicata come possibile simbolo per il 150esimo anniversario dell'Unità di Italia, con il sale che ricorda la grande storia intellettuale del nostro popolo e i cavalli la sua forza e ingegnosità.
 

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...